RSS

America latina, bambini lavoratori si incontrano

31 Ago

Si ritroveranno per discutere della loro condizione, i programmi in atto e le loro proposte, le sfide del presente e i progetti per il futuro e parleranno di economia solidale. Sono i bambini lavoratori di nove Paesi latino-americani che si incontrano a Barquisimeto, in Venezuela, dal 1 al 7 settembre per l’VIII meeting continentale dei Ninos trabajadores.  Da anni i bambini lavoratori di Asia, Africa e America latina lottano affinché venga riconosciuto il loro diritto a lavorare in modo dignitoso. In Venezuela saranno presenti i delegati di altrettanti movimenti di bambini lavoratori organizzati. All’incontro di Barquisimeto, i delegati parleranno anche di economia solidale e di progetti educativi, discuteranno di progetti per le politiche pubbliche che riguardano l’infanzia in generale ma soprattutto attinenti all’infanzia che lavora.Il Coordinamento dei Bambini lavoratori dell’America Latina si chiama Molacnats. Attraverso di esso i piccoli lavoratori organizzano e presiedono le assemblee, decidono le strategie che il Movimento deve seguire e le azioni concrete da portare avanti.  In Italia esiste ItaliaNats, la Rete di appoggio ai movimenti dei bambini e adolescenti lavoratori che ha la sede operativa a Vicenza alla quale aderiscono una ventina di associazioni.I Movimenti dei bambini lavoratori non sono però da confondere con i bambini sfruttati che nel mondo – secondo i dati dell’International Labour Office (Organizzazione internazionale del lavoro) – sono 165 milioni piccoli schiavi tra i 5 e i 14 anni di età. La maggior parte di questi bambini vengono ceduti per l’equivalente di pochi euro, quando va bene ad imprenditori senza scrupoli, quando sono meno fortunati, sono venduti a trafficanti di esseri umani. I Bambini lavoratori vogliono invece avere il diritto di lavorare in condizioni dignitose e avere la possibilità di avere un’istruzione. Attraverso piccoli lavoretti riescono guadagnare qualche soldo che serve ad aiutare la famiglia. Li troviamo in America latina, in Africa e in Asia e qui hanno aperto la Children’s Development Bank (Banca dei bambini ed adolescenti per lo sviluppo) che ha sedi in Afghanistan, India, Bangladesh, Nepal e Sri Lanka. Grazie all’appoggio di ONG e associazioni, i Bambini lavoratori, attraverso la banca, riescono a gestire i loro risparmi senza pesare sulle famiglie. Denaro che spesso utilizzano per acquistare penne e quaderni per andare a scuola o per aprire, quando sono più grandi, una piccola attività commerciale.

Annunci
 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: