RSS

La sicilianità nelle scuole Programma didattico 2011/2012

03 Feb

seminariodi Loredana Ales

“Norme sulla promozione, valorizzazione e insegnamento della storia, della letteratura e del patrimonio siciliano nelle scuole”,è questo il  seminario tenutosi questa mattina presso l’aula Magna della facoltà di Lettere dell’Università degli studi di Palermo. Nell’ambito dell’incontro, al quale hanno partecipato le istituzioni scolastiche delle provincie di Palermo, Trapani, Agrigento e Caltanissetta, è stata fatta una dettagliata ricognizione delle modalità con cui la disciplina è stata introdotta nelle scuole siciliane. Lo studio delle tradizioni teatrali, il recupero delle antiche tecniche di pesca del pesce spada, la raccolta di leggende della tradizione sicula scritta, la produzione di un volume storico sulla cultura aretusea, un viaggio bnel dialetto suiciliano dal ‘400 ai giorni nostri. Queste alcune delle iniziative già attuate nelle scuole siciliane.

«Sono soddisfatto per un obiettivo culturale da tempo vagheggiato ed ora finalmentte raggiunto grazie anche al contributo dell’Assemblea regionale – ha detto l’assessore regionale per l’Istruzione e la formazione professionale Mario Centorrino – La promozione e la valorizzazione della cultura siciliana – continua Centorrino – nelle scuole sono ufficialmente inseriti nel piano dell’offerta formativa 2011/2012 delle istituzioni scolastiche del territorio».

«La legge regionale n. 9/201 da me proprosta – riferisce il deputato regionale Nicola D’Agostino – è stata capita fin dall’inizio. Noi come assessorato dei Beni Culturali siamo contenti del fatto che si possa inoculare nei nostri giovani la conoscenza del nostro passato anche in un momento, quello attuale, di forte globalizzazione».

La legge approvata nel maggio scorso e già attiva in molte scuole del territorio siciliano, sarà pienamente applicata l’anno prossimo. Presenti in aula  anche il preside della Facoltà di Lettere Mario Giacomarra che ha introdotti i lavori, l’assessore regionale Sebastiano Missineo, il presidente del Centro studi Filologici e Linguistici siciliani, Giovanni Ruffino, i preside della Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Catania, Giuseppe Barone, il presidente della Fondazione Buttitta, Ignazio E. Buttitta, il direttore della Scuola di Lingua Italiana per stranieri, Mari D’Agostino e i docenti Salvatore Lupo e Antonino Giuffrida.

Un altro incontro è previsto per venerdì 10 febbraio  alle 9.30 presso l’aula Magna della facoltà di Scienze politiche di Catania, destinato alle provincie di Ragusa, Enna, Messina e Catania.

Fonte di provenienza dell'articolo

Annunci
 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: