RSS

Archivi categoria: News Servizio Civile Nazionale

SERVIZIO CIVILE NAZIONALE: Bando straordinario per la selezione di 457 volontari

downloadIl bando si riferisce alla selezione di 457 volontari da impiegare nei progetti di servizio civile nazionale in Italia, di cui 368 per l’accompagnamento dei grandi invalidi e ciechi civili. Scadenza 28 febbraio 2013.

È indetto un bando straordinario per la selezione di 457 volontari da avviare al servizio nell’anno 2013 nei progetti di servizio civile nazionale in Italia, dei quali: Read the rest of this entry »

 

Servizio Civile Nazionale: Le radici di un sogno:”Pensieri e azioni”, un ebook di testimonianze che non ha bisogno di presentazione.

Pubblicato sul sito www.serviziocivile.it l’ebook “Pensieri e azioni. Attraverso la testiminianza dei giovani volontari di servizio civile si sono raccontati dieci anni di Servizio Civile Nazionale”

Read the rest of this entry »

 

Tag: , , , , ,

Servizio Civile e 2 giugno: monta la polemica.

In vista delle celebrazioni per la Festa della Repubblica ritorna la polemica sulla partecipazione dei volontari alla parata ai fori imperiali. Quest’anno colpo di scena: ritorna il passo militare. (Francesco Enrico Gentile)

parata_2_giugnoCome ogni anno la partecipazione di una delegazione dei giovani in Servizio Civile alla parata in programma ai Fori Imperiali per celebrare la Festa della Repubblica è foriera di polemiche.

Da molti anni, infatti, veder sfilare i giovani in Servizio Civile tra i corpi militari del Paese ha prodotto distinguo, prese di distanza e reazioni negative.

D’altra parte la stessa scelta di celebrare la Festa della Repubblica con la sfilata militare non ha mai raccolto ampio consenso. Basti ricordare l’ex Presidente della Camera, Fausto Bertinotti, che decise di indossare, seppur nelle vesti istituzionali, una spilla pacifista pur comparendo nel palco d’onore dei Fori Imperiali.

Quest’anno, tuttavia, la polemica si arricchisce di una nuova puntata. Sul profilo Facebook dell’Ufficio Nazionale per il Servizio Civile, infatti, è stata pubblicata una foto delle prove a cui sono stati sottoposti i giovani partecipanti alla delegazione.

Nulla di strano, a prima vista. La solennità dell’evento, la presenza del Capo dello Stato richiedono ovviamente una preparazione e una cura dei dettagli.

Tuttavia prestando la necessaria attenzione si nota un particolare non da poco: i giovani sono intenti a marciare con passo militare. Assistiti da soldati, infatti, i volontari sono intenti ad esercitarsi nella marcia, passo cadenzato e braccio destro a ritmo.

Immediate le reazioni. Fania Alemanno, rappresentante dei volontari, si scatena sulla Rete, affermando: ”Vergogna. L’accordo tra ufficio nazionale e rappresentanza riportava la necessità di individuare un passo “cadenzato” che desse ordine ai ragazzi in sfilata. La richiesta esplicita era di non farli marciare — non farli marciare — richiesta accolta alla presenza del capo dell’UNSC. Ora la marcia, il braccio destro penzolante e l’attenti dei volontari. Dove è finita la dignità della difesa non armata?”.

Enrico Maria Borrelli, Presidente di Amesci e Portavoce dell’Associazione Obiettori Non Violenti, in una nota diffusa afferma: “Apprendiamo dalla Rete con stupore che in vista della parata del 2 giugno per le celebrazioni della Festa della Repubblica ai giovani del Servizio Civile sia stato chiesto di marciare con passo militare. 

La partecipazione dei volontari alla parata per la Festa della Repubblica ha senso se si consente al mondo del SCN di esprimere il valore civile e civico dell’impegno dei giovani. Irreggimentarli come fossero soldati rischia di richiamare un approccio culturale oramai superato dalla coscienza civile del Paese. Ci auguriamo che l’Ufficio Nazionale per il Servizio Civile voglia rimediare subito a quello che ci appare come un’iniziativa incomprensibile.”.

Fonte di provenienza dell’articolo

 

Tag: , , , , ,

Campagna “SOS SCN – Io SOStengo il Servizio Civile Nazionale”

SOS SCN: Io Sostengo il Servizio Civile Nazionale

Per ribadire la posizione della Rappresentanza in merito all’istituzione del Servizio Civile.

Con questo obiettivo la Rappresentanza nazionale, in accordo con Rappresentanti e Delegati delle singole Regioni e Province autonome italiane, ha avviato una campagna di sensibilizzazione nazionale denominata “IO SOSTENGO IL SERVIZIO CIVILE”.

Cinque i punti ai quali la Rappresentanza chiede agli Enti accreditati, alle Istituzioni ed alla società civile di aderire:

1- L’estrema urgenza di un rifinanziamento del Fondo Nazionale per il Servizio Civile da parte del Governo;

2- La riforma della legge 64/2001 per la tutela del Servizio Civile Nazionale come istituto repubblicano che concorre al dovere di Difesa della Patria, con mezzi non armati e attività nonviolente;

3- La gestione pubblica del fondo nazionale per il Servizio Civile;

4- La tutela del requisito della cittadinanza nel bando di Servizio Civile Nazionale;

5- La definizione dello Status giuridico del Volontario SCN.

Per saperne di più
http://www.facebook.com/iosostengoilserviziocivile

Informazioni dalla Pagina Facebook

ADESIONE ALLA CAMPAGNA “SOS SCN – Io SOStengo il Servizio Civile Nazionale”, promossa dalla Rappresentanza Nazionale Giovani in Servizio Civile
Descrizione
IO SOSTENGO:*L’estrema urgenza di un rifinanziamento del Fondo Nazionale
per il Servizio Civile da parte del Governo;

**La riforma della legge 64/2001 per la tutela del Servizio
Civile Nazionale come istituto repubblicano che concorre al
dovere di Difesa della Patria, con mezzi non armati e attività
nonviolente;

***La gestione pubblica del fondo nazionale per il Servizio Civile;

****La tutela del requisito della cittadinanza nel bando di Servizio
Civile Nazionale.

*****La definizione dello Status giuridico del Volontario SCN

–> La Rappresentanza Nazionale ha Inviato le schede di adesione ai 135 Enti Accreditati all’Albo Nazionale del Servizio Civile Nazionale. Le delegazioni regionali si stanno adoperando per fare lo stesso con gli Enti accreditati all’Albo Regionale.

–> Tutte le altre associazioni, organizzazioni, comitati ecc ecc NON ACCREDITATI per il Servizio Civile Nazionale, possono liberamente aderire direttamente sulla pagina facebook

www.facebook.com/iosostengoilserviziocivile

–>Chiunque volesse sostenerci, singolo cittadino o gruppo sociale, può registrare un brevissimo video con un cellulare, una fotocamera o altro,
pronunciando la frase
“IO SOSTENGO IL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE”
ed uploddarlo!

Oppure
Inserire sul proprio sito il banner Io SOStengo il Servizio Civile Nazionale, mediante il seguente codice:

<center><a href=”https://www.facebook.com/iosostengoilserviziocivile” target=”_new”><img border=”0″ src=”https://lh6.googleusercontent.com/-p02PfduNZgg/T2dRAhJMWII/AAAAAAAAA6o/OJw7dNFNi4c/s120/bannerSOSSCN.png
title=”SOS SCN – Io SOStengo il Servizio Civile Nazionale”/></a></center>

–>Su twitter al link

https://twitter.com/#!/ioSOStengoSCN

copia ed incolla:

IO SOSTENGO IL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE #SOStengoServizioCivile @ioSOStengoilSNC www.facebook.com/iosostengoilserviziocivilenazionale

Raccoglieremo le vostre adesioni. GRAZIE!


Allegati:

– Lettera_Rappresentanza2012 (.pdf)
– CampagnaSOS_SCN_Rappresentanza2012 (.pdf)

 

Tag: , , , , ,

Pubblicazione graduatoria del PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE 2011 “VIVI-AMO BATTIATI” c/o il Comune di Sant’Agata Li Battiati (CT)

Comune di Sant’Agata Li Battiati: Bando di Servizio Civile Nazionale – 2011-12 – Progetto “VIVI – AMO BATTIATI ”

I CANDIDATI SELEZIONATI DOVRANNO CONSEGNARE IN
ORIGINALE E BREVI MANU IL CERTIFICATO MEDICO DI
IDONEITA’ FISICA ENTRO 2 GIORNI DALLA DATA IN CUI VIENE
RESA PUBBLICA LA GRADUATORIA

Sul certificato medico deve risultare leggibile il codice regionale
del medico e deve essere obbligatoriamente contenuta la
seguente dicitura: RISULTA IDONEO/A A SVOLGERE IL
SERVIZIO CIVILE NEL SETTORE DI IMPIEGO PREVISTO
DAL PROGETTO “VIVI-AMO BATTIATI ”.

Qualora il certificato medico non venga consegnato entro la data
prevista si procederà a scorrimento della graduatoria.

 NB:    

    SI RAPPRESENTA CHE LE ALLEGATE
GRADUATORIE SONO PROVVISORIE E
VENGONO PUBBLICATE FATTE SALVE LE
PREVISTE VERIFICHE CHE VERRANNO
EFFETTUATE DALL’UNSC – UFFICIO
NAZIONALE DEL SERVIZIO CIVILE-ROMA
SOLO DOPO L’EFFETTUAZIONE DI TALI
VERIFICHE LE GRADUATORIE PROVVISORIE
DIVENTERANNO DEFINITIVE E DARANNO
DIRITTO ALL’ASPIRANTE VOLONTARIO DI  ESSERE AVVIATO AL SERVIZIO

Graduatoria Centro Incontro Giovani

Graduatoria Municipio URP

Graduatoria Centro Incontro Comunale

Graduatoria Asilo Nido Comunale

 

Tag: ,

Riforma Servizio Civile: proposte a confronto, oggi la Tavola rotonda per porre le basi all’avvio di un proficuo dialogo su un tema così importante per l’educazione e la formazione dei giovani.

Si è svolta, il 20 marzo 2012, presso la Sala polifunzionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri la Tavola rotonda “Quale riforma per il Servizio Civile Nazionale: proposte a confronto”.

Fino ad oggi circa 300.000 giovani hanno “scelto” di vivere questa straordinaria esperienza.
Negli ultimi anni, da più parti è emersa la necessità di revisionare l’istituto del Servizio civile. In Parlamento, nel corso dell’attuale legislatura, sono state depositate numerose proposte di legge di riordino della materia.

La Tavola rotonda è stata l’occasione per porre le basi all’avvio di un proficuo dialogo su un tema così importante per l’educazione e la formazione dei nostri giovani.

L’evento è stato coordinato da Luca Liverani, giornalista dell’Avvenire, ed hanno partecipato al dibattito: Andrea Riccardi, Ministro per la Cooperazione Internazionale e l’Integrazione con delega al Servizio Civile Nazionale, Carlo Amedeo Giovanardi, Senatore Popolo delle Libertà, Erica Rivolta, Deputata Lega Nord Padania, Marina Sereni, Deputata Partito Democratico, Lorena Rambaudi, Coordinatrice della Commissione politiche sociali della Conferenza delle Regioni e Province Autonome, Licio Palazzini, Presidente della Consulta nazionale per il servizio civile , Silvia Conforti, Rappresentante nazionale dei volontari in servizio civile.

Nel corso del suo intervento il ministro Riccardi, ha ritenuto “paradossale che questa straordinaria esperienza italiana, che è stata analizzata e posta tra le buone pratiche, in numerosi studi comparati a livello europeo, proprio per la capacità di inserire i giovani nel vivo della società italiana, possa essere messa in crisi.”

Il Ministro ha evidenziato che “Ora, questo prezioso strumento di cittadinanza, che molti Paesi europei ci invidiano, rischia di scomparire a seguito dei tagli effettuati dal 2008 ad oggi, che hanno comportato la riduzione del numero dei volontari avviati al servizio dai 45.890 del 2006 ai 15. 939 del 2011. Gli stanziamenti in soli 5 anni sono diminuiti passando dai 296 milioni di euro, per l’anno 2007, ai 68,8 milioni di euro per l’anno in corso. Di conseguenza, l’avvio al servizio dei volontari selezionati per il bando 2011 e avviati al servizio nell’anno 2012, comporta non solo l’utilizzazione dell’intero stanziamento dell’anno in corso, ma anche l’impegno di 40 dei 76 milioni di euro previsti per il 2013. E’ chiaro che, se tale limitazione divenisse la norma significherebbe limitare non poco la portata innovativa del Servizio Civile che si caratterizzerebbe sempre più come un’offerta rivolta solo a pochi.”

In particolare il Ministro Riccardi ha fatto presente che sono “le voci dei giovani che rivendicano il diritto ad un’opportunità che non deve essere loro preclusa”. A tal proposito Riccardi ha riportato le parole conclusive di una lettera aperta che alcuni volontari hanno inviato: “dobbiamo lavorare sul concreto, pensare a cos’è stato, cos’è e cosa può essere il servizio civile. Noi che crediamo nel servizio civile dobbiamo trovare una maniera semplice per arrivare agli occhi e alle orecchie di tutti. Le crisi, le esperienze possono dunque servire a questo: mettere insieme le idee e ragionare su come realizzarle al meglio, perché portino frutto”.

Il ministro ha aggiunto: “Questo strumento, che molti paesi europei ci invidiano, rischia di scomparire a causa della riduzione dei fondi stanziati a partire dal 2008”. Se, infatti, non ci sarà una rapida inversione di tendenza “non potrà essere emanato l’avviso per selezionare i volontari del 2013”.

Riccardi ha concluso il suo intervento dichiarando che per consentire la sopravvivenza del servizio civile “bisogna vincere una battaglia culturale nel nostro Paese, portandola in tutte le sedi possibili affinché l’opinione pubblica italiana diventi consapevole dell’importanza di questa esperienza”. Il primo passo sarà “aprire un tavolo serio” interministeriale tra Welfare e Economia per “vedere come rifinanziare il Servizio Civile Nazionale”.

Per saperne di più

Audiovideo

Photogallery

1. Relatori della Tavola Rotonda Relatori della Tavola Rotonda
2. Il Ministro Andrea Riccardi con l’On. Marina Sereni Il Ministro Andrea Riccardi con l'On. Marina Sereni
3. Lorena Rambaudi, Coordinatrice della Commissione politiche sociali della Conferenza delle Regioni e Province Autonome e Licio Palazzini, Presidente della Consulta nazionale per il servizio civile. Lorena Rambaudi e Licio Palazzini
4. Luca Liverani, giornalista, On. Erica Rivolta e Silvia Conforti, rappresentante nazionale dei volontari in servizio civile Luca Liverani, Erica Rivolta e Silvia Conforti
5. Volontari e rappresentanti nazionali Volontari e rappresentanti nazionali
6. Il Capo dell’UNSC, Cons. Federico Fauttilli e gli ex direttori Massimo Palombi, Diego Cipriani. Prima fila
7. La Sala polifunzionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri Sala polifunzionale PCM

Allegati:

– Intervento Min. Riccardi Tavola rotonda marzo 2012 (.pdf)

Ufficio Nazionale per il Servizio Civile

Fonte di provenienza dell'articolo

Articolo correlato:

Tavola rotonda “Quale riforma per il Servizio Civile Nazionale: proposte a confronto”

Approfondimento:

Su l’Avvenire del 21 marzo 2012 un articolo di Luca Liverani sulla tavola rotonda “Quale riforma per il servizio civile nazionale: proposte a confronto” che si svolta presso la sala polifunzionale della Presidenza del Consiglio. La tavola rotonda è stata l’occasione per porre le basi all’avvio di un proficuo dialogo su un tema così importante per l’educazione e la formazione dei nostri giovani.

 

Tag: , , , , ,

Tavola rotonda “Quale riforma per il Servizio Civile Nazionale: proposte a confronto”

Si svolgerà martedì 20 Marzo p.v. alle ore 15,00 nella Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, in Via di Santa Maria in Via, n. 37 la tavola rotonda promossa dal Ministro per la Cooperazione Internazionale e l’Integrazione con delega al Servizio Civile Prof. Andrea Riccardi, in collaborazione con l’Ufficio Nazionale per il Servizio Civile.

Un incontro al quale interverranno il Sen. Carlo Giovanardi, l’On. Erica Rivolta, l’On. Marina Sereni,Lorena Rambaudi Coordinatrice della Commissione politiche sociali della Conferenza delle Regioni e Province Autonome, Licio Palazzini Presidente della Consulta nazionale per il servizio civile e Silvia Conforti rappresentante nazionale dei volontari in servizio civile.

La tavola rotonda, coordinata dal giornalista Luca Liverani, vuole essere l’occasione per un confronto aperto sulla possibile revisione dell’istituto del Servizio civile, per il quale nel corso dell’attuale legislatura sono state depositate numerose proposte di legge di riordino della materia.

Un appuntamento per porre le basi sull’avvio di un proficuo dialogo su un tema così importante per l’educazione e la formazione dei nostri giovani, che in circa 300.000 hanno “scelto” di vivere la straordinaria esperienza di svolgere il Servizio civile.

Sarà presente il nuovo Capo dell’UNSC Dott. Federico Fauttilli.

La partecipazione per motivi organizzativi è ad inviti.

La tavola rotonda verrà trasmessa in streaming dalle ore 15,00 sui siti: www.governo.it –www.serviziocivile.gov.it

Allegati

Leggi

Per saperne di più

  • Ufficio Nazionale per il Servizio Civile

    Fonte di provenienza dell'articolo

 

Tag: , , , , ,

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: