RSS

Archivi tag: zona industriale

Catania, è ora dello Startup weekend Ventotto idee per le aziende di domani

Di Leandro Perrotta | 26 maggio 2012

Fa tappa in città l’iniziativa già sperimentata con successo in altre realtà: 28 idee imprenditoriali (dal supermercato rapido alla condivisione di foto e bici) si contenderanno le attenzioni di una decina di tutor, messi a disposizione dagli organizzatori, e cercheranno di essere le più votate. In palio ci sono corsi di formazione, ma soprattutto la possibilità di creare la propria impresa con basi solide. E attrarre investitori

startupweekend_interna

«Vorrei creare un sistema per far suonare le band a distanza, via internet, come se fossero nella stessa stanza». «Io vorrei creare un sito dove si possano trovare anche le offerte del supermercato sotto casa». «Io invece vorrei proprio creare un supermercato, dove ordini online e la spesa te la danno in massimo 4 minuti». Trovate queste idee originali? Allo Startup weekend di Catania, mix tra un workshop e un barcamp dedicato alle imprese ancora da creare, potreste far parte del team che le realizzerà. Economisti, ingegneri, informatici, esperti di marketing, uomini ma soprattutto tante donne: sono giovani e ambiziosi i partecipanti, riuniti al Beasy Boureau della zona industriale per un weekend all’insegna della progettualità. «E’ un format internazionale, creato nel 2007 e da cui sono nate più di 5 mila aziende» spiega Peppe Sirchia, che insieme a Rocco Miccichè e Alessio Vasta ha organizzato quella che si preannuncia come una riuscitissima tappa catanese. Nella prima serata di ieri, i partecipanti hanno accettato la sfida dei 60 secondi, ovvero presentare la propria idea, trovare dei collaboratori e cercare, nelle successive 54 ore, di porre le basi per mettere su un’azienda. E magari trovare degli investitori.

A supportare gli aspiranti imprenditori tanti esperti, chiamati dagli organizzatori per dare loro una mano nella realizzazione della propria idea. O per raccontare la propria esperienza. Come quella, di successo, di Giovanni Giuffrida, fondatore di Neodata, azienda che cura il posizionamento intelligente degli annunci pubblicitari per i grossi siti d’informazione, come Repubblica e Rai. «La mia azienda è nata in Italia, non in California dove ho studiato» spiega subito Giuffrida, esempio pratico di come «con le idee giuste si possa fare impresa in Italia». «Contro colossi come DoubleClick di Google, abbiamo solo capito le peculiarità del mercato italiano, offrendo dei servizi su misura» spiega Giuffrida, che avverte gli aspiranti imprenditori: «non basta trovare chi metterà i soldi, dovete anche prevedere bene un piano di sviluppo cedendo il giusto ai finanziatori». Facile infatti, con un’ottima idea, ritrovarsi con tanti soldi da subito. Ma il paradosso è  «avere in mano 5 milioni di euro, e non sapere come spenderli». Startup sì quindi, con entusiasmo e originalità, ma subito nel modo giusto per creare delle realtà solide.

Idee nate spesso da esigenze personali. «Io vorrei creare un sistema di condivisione online delle fotografie rapido ed efficace, mentre si è in viaggio» dice ad esempio Aldo, che s’è ritrovato con l’hard disk pieno in viaggio di nozze. «A me, invece, farebbe comodo un sistema di bike sharing. Siccome non esiste, aiutatemi a crearlo» spiega Valentina. In totale sono 28 i progetti presentatinella serata inaugurale di venerdì, votati con un semplice post-it dagli 83 partecipanti, che adesso si daranno battaglia per aggiudicarsi i premi finali messi in palio dagli sponsor della tappa catanese: una consulenza sulla realizzazione del business plan (dai catanesi Centocinquanta), un anno di associazione a Confindustria giovani, e soprattutto due corsi di formazione: uno su applicazioni per mobile (da Etna Training), e la partecipazione di 10 mesi al development program di Top-Ix, azienda torinese che investe su internet. Non è infatti un caso che i progetti proposti siano tutti rivolti al web: la maggioranza, più di venti, prevedono la realizzazione di portali o servizi online, mentre solo 5 utilizzano internet come un supporto all’attività principale, che prevede la realizzazione di un prodotto o di un servizio.

Lo Startup weekend continuerà fino a domenica, quando alle 18 verranno proclamati i vincitori. Per seguirlo, basta andare sulla pagina Facebook dedicata, oppure interagire con i partecipanti via twitter, con gli hashtag #SWCatania #6SW.

[foto di Rocco Rossitto]

Articoli correlati

  • Arriva a Catania lo Startup weekend
    «Come farsi venire un’idea in 54 ore»
  • opengovernment_internaIl degrado in città? Ora si segnala online
    I grillini: «Attivare il servizio a Catania»
  • Mafie ed economia in Sicilia e nel MezzogiornoMafia e aziende alleate anti-crisi
    Il caso dei centri commerciali

    Fonte di provenienza dell’articolo

     

 

Tag: , , , ,

WiLab: il primo Web talent lab italiano – il 24 Aprile Casting Catania

Wilab-laboratorio del web italiano è un’occasione esclusiva per giovani imprenditori e giovani professionisti che vogliono intraprendere attività e progetti in Rete, per laureandi e giovani laureati che desiderano intraprendere dei percorsi professionali non usuali. Il progetto co-finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento della Gioventù e dall’Anci si basa su un approccio esperienziale: i moduli formativi sono stati progettati per permettere ai partecipanti di vivere un’esperienza reale di vita lavorativa in una Web Agency, in una Web Company o da FreeLance. I giovani interessati a partecipare al progetto, di età compresa tra i 18  e i 30 anni, dovranno effettuare la pre-iscrizione on line al link www.webtalentshow.it, in seguito, basterà presentarsi in uno degli stand delle nove tappe di selezione che avverranno in tutta Italia. L’appuntamento con i Casting  parte oggi da Milano, per terminare a Pescara il 2 e 3 maggio. Le selezioni finali permetteranno a sessanta giovani di accedere a WiLab, con l’opportunità di partecipare a due settimane full immersion di laboratorio del web italiano, a ventidue workshop ed incontrare i Guru internazionali del web Creativo. Tra i sessanta partecipanti al laboratorio soltanto sei talenti potranno firmare il contratto finale e solo uno verrà eletto il miglior talento dell’anno e si aggiudicherà un premio del valore di 100 mila euro.Il percorso di WiLAB il Laboratorio del Web italiano

Fonte di provenienza dell'articolo

 24 APRILE 2012  – CASTING CATANIA

Partner del casting è Industria 01 (web site) agenzia specializzata in editoria, immagine aziendale e web design. Si occupa di pubblicità, immagine e promozione per soddisfare ogni esigenza di comunicazione: ricerca del nome, creazione del logo e del progetto grafico, sviluppo di identità aziendali solide e distintive. Le selezioni si svolgeranno presso la sede della Beasy Bureau, sulla Stradale Primosole SS 114 n°68/b – Zona Industriale – 95121 Catania.

Giudici: Bice Guastella, Ciro Esposito, Giuseppe Parito

INFO:

Web talent Show – Catania

 

Tag: , , , , ,

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: