RSS

Da Milano per ripulire il Palazzo di cemento «Aiutiamo il centro Talità Kum e Librino»

04 Ago

Sono venuti in quaranta dal capoluogo lombardo, giovani e con un obiettivo: ripulire l’enorme edificio, sgomberato un anno fa, simbolo del degrado della periferia catanese. Ancora disseminato di ogni genere d’immondizia e piazza preferita per lo spaccio. «Lo puliamo per dimostrare che qui non si sta solo ad aspettare le istituzioni per fare qualcosa» spiega Giuliana Gianino, direttrice del centro Caritas che ha organizzato l’iniziativa.Guarda le foto

«Qui ci ricorda Quarto Oggiaro, a Milano. Spesso si pensa non ci sia più nulla da fare in questi posti, ma questa bellissima esperienza ci dice che non c’è nessun karma negativo, nessun destino segnato se si lavora sodo».

«Dopo lo sgombero degli abitanti sono state lasciate tonnellate di rifiuti nel palazzo. Dovevamo fare qualcosa, andava ripulito. Anche per dare un segno, per far capire che qui non si aspettano le istituzioni, ma ci si dà da fare» spiega Giuliana Gianino che del centro Talità Kum è la fondatrice e direttrice.

Guardando la quantità di spazzatura accumulata in poche ore, questa giornata, più che un segno, è un cambiamento concreto. Anche perché, insieme ai volontari, ci sono gli operai del Comune di Catania. «Chiamati per tempo – precisa Giuliana – Abbiamo organizzato tutto con le relative autorizzazioni». Ma le zappe, le vanghe, le carriole e i rastrelli sono tutti degli abitanti del condominio accanto, quello di viale Moncada 2 dove ha sede il Talità Kum. 

 

«Dobbiamo ringraziare Giuliana e il centro perché, da quando sono qui, le cose sono cambiate», dicono in coro Salvatore e Gianluca. Entrambi abitano nello stesso edificio dove, poco meno di un anno fa, è stato arrestato Giovanni Arena, considerato il boss mafioso più influente del quartiere. E di certo qui la criminalità organizzata ha ancora il controllo della situazione a sentire le parole dei ragazzi in zona, che non hanno problemi a dire: «Certo che qui ancora si spaccia la sera». Ma il cambiamento di cui parlano i due uomini è qualcosa di diverso: un’aria nuova di «collaborazione tra vicini di casa».

«Vorrei che qui ci fosse la pulizia sempre, ma sono sicuro che adesso nessuno butterà più un sacchetto» dice sicuro Gianluca, che di mestiere fa l’operatore ecologico ed è venuto a dare una mano dopo il suo turno di lavoro. «Già oggi sono stati portati via due interi camion ma credo che, con tutto quello che c’è da buttare, si finirà a settembre», continua, invitandoci a guardare «quanto è bello ilmurales che stanno facendo».

Opera di tre artisti, i cosiddetti writer, che sono venuti a Librino a dare un aiuto, a seguito di un semplice invito. Si chiamano Marco, Rossano e Toni, e stanno dipingendo un’opera «che richiama un’idea di libertà in modo semplice», spiega Toni. Due fasce, una inferiore verde e una superiore blu, «un prato e un cielo, dove metteremo degli elementi secondo il nostro solito stile» continua. Lui predilige «le forme geometriche» mentre Rossano è famoso per le sue scritte. Marco, conosciuto a Catania con il nome d’arte di Guè, ha già abbozzato il disegno di uno dei suoi personaggi e il punto di incontro tra il tutto è un grande arcobaleno, proprio all’incrocio con il viale Moncada.

I volontari andranno avanti fino a domenica con le pulizie e il murales dovrebbe essere pronto per quella data. Sotto al Palazzo di cemento si lavora, mentre a poche decine di metri dei ragazzi stanno fermi a guardare la scena: immobili per ore, come se fossero delle vere e proprie guardie di vedetta. Ma sono sull’altro lato della strada, in viale San Teodoro, e a due passi da loro c’è già un’altra piccola rivoluzione di questa estate a Librino: quel campo San Teodoro liberato che tra pochi giorni potrà essere utilizzato per giocare a rugby.

Fonte id provenienza dell’articolo

Articoli correlati

  • simeto internaCemento all’Oasi, decisione rinviata
    Le associazioni: «Una perdita di tempo»
  • raccolta_indiscriminataEtna, Raccolta indiscriminata di rifiuti
    Settanta volontari per ripulire il vulcano
  • acitrezzaIsola Lachea, Unict vuole il molo in cemento
    Il Comune lo boccia: «Troppo invasivo»
 

Tag: , , , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: